"Quando arrivò la cartolina per arruolarmi, rifiutai e scappai prendendo la strada per i monti,  li mi unii alla brigata partigiana. Cucinavo per loro e partecipavo a diverse azioni, l’inverno era rigido e la neve fu abbondante. In primavera venni catturato dai tedeschi, la notte con un mio compagno approfittano dell’oscurità per evadere da quel collegio improvvisato a prigione, superammo la recinzione di filo spinato e corremmo all’interno del bosco alle pendici della montagna  mentre i proiettili tedeschi ci sfioravamo le orecchie, ci inseguirono con i cani. Riuscimmo a nasconderci in un fosso pieno di fango e acqua camuffandoci tra i rovi, restammo in quel posto con l’acqua fino alla gola per un giorno intero"

lorenzo-papi03

“Quando arrivò la cartolina per arruolarmi, rifiutai e scappai prendendo la strada per i monti, li mi unii alla brigata partigiana. Cucinavo per loro e partecipavo a diverse azioni, l’inverno era rigido e la neve fu abbondante. In primavera venni catturato dai tedeschi, la notte con un mio compagno approfittano dell’oscurità per evadere da quel collegio improvvisato a prigione, superammo la recinzione di filo spinato e corremmo all’interno del bosco alle pendici della montagna mentre i proiettili tedeschi ci sfioravamo le orecchie, ci inseguirono con i cani. Riuscimmo a nasconderci in un fosso pieno di fango e acqua camuffandoci tra i rovi, restammo in quel posto con l’acqua fino alla gola per un giorno intero”